Rubrica Scuola

Gentilissima professoressa Carla,

le scrivo per dirle che mio figlio viene spesso richiamato dai docenti e maggiormente dal professore di francese . Lo so perché mio figlio mentre è in classe, mi scrive su whatsapp e mi dice tutto.

Il professore, secondo me, non e ‘capace di spiegare e tenere l’attenzione in classe. La situazione ormai è insostenibile, vado a scuola e  mi faccio sentire? Mi consigli.

Cara signora,

innanzitutto grazie per avermi scritta, devo subito dirle che non sono assolutamente d’accordo con quanto vorrebbe fare.

I genitori non devono, assolutamente, entrare nel merito della didattica dei docenti . Chi ha vissuto la fanciullezza e giovinezza sino al nuovo millennio, ha avuto il privilegio di vivere in un mondo dove il rispetto , le regole , l’educazione erano i principi fondamentali del sapere vivere. Le famiglie educavano in tal senso. Con il progresso tecnologico le cose sono cambiate, la tecnologia di per sé è una cosa positiva, ma il problema nasce quando se ne fa un cattivo uso. Il problema siamo noi. Quando ci si illude di essere super sapienti , di potersi sostituire ad avvocati, medici, psicologi , docenti , solo perché si leggono notizie su Google interpretare male , quando si pretendono solo diritti  e non i doveri e viene a mancare il riconoscimento ed il rispetto verso quelle figure.

Con tristezza, attraverso la mia professione ho constato che non esiste più ascolto, comprensione, educazione e rispetto per le persone. Forse non ci rendiamo conto che stiamo dando un esempio assolutamente negativo ai nostri ragazzi.

Quando suo figlio si lamenta del prof, chieda a lui cosa fa per essere redarguito , nessun professore va a scuola per infastidire i suoi alunni , anzi al contrario, la sua missione è educare .La saluto e la ringrazio

Gentilissima professoressa Carla,

la Dirigente della scuola di mia figlia ha vietato, con una circolare, di indossare pantaloncini , minigonne e infradito a scuola . Una scelta assolutamente indispensabile, mi ha detto la Dirigente, quando sono andata a dirle che in qualità di madre, a mio avviso,

è una scelta che lede la libertà. Secondo me la libertà diventa una chimera, il decoro è un concetto molto individuale o dettato da modi e costumi diffusi che non è detto siano accettati da tutti . Il concetto è chiaro : ognuno è libero di potersi esprimere. Cosa ne pensa? Ho ragione?

Gentilissima signora,

in base  al regolamento d’istituto l’abbigliamento deve essere consono all’ambiente scolastico e adeguato alle attività proposte. A mio parere cara signora l’abbigliamento si deve adeguare al posto e al luogo, a scuola bisogna avere un certo decoro, che sia contestualizzato al contesto, la scuola non è la spiaggia e pantaloncini es infradito di certo non sono adeguati. La saluto e la ringrazio.

Saluti

Prof.ssa Carla Ciccarelli

186 views

LĂSAȚI UN MESAJ

Vă rugăm să introduceți comentariul dvs.!
Introduceți aici numele dvs.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Nu rata să citești

Ultimele știri

De ce se teme Eric Cantona că alegerile din Italia ar putea duce la izbucnirea celui de-Al III-lea Război Mondial

Eric Cantona (56 de ani), fostul mare fotbalist francez, s-a arătat îngrijorat de situația globală după ce extrema dreaptă a câștigat alegerile în Italia. Cu...

Ce se va întâmpla cu Ionuț Radu la Cremonese după revenirea accidentatului Marco Carnesecchi

Ionuț Radu (25 de ani) a devenit titularul primei reprezentative a României, însă despre goalkeeper-ul român s-a scris că ar putea trece în plan...